Migliore maglia ciclismo

maglia ciclismo

Se si vuole praticare il ciclismo in una maniera precisa, senza sbagliare nulla e avvicinandosi alla questione con la massima professionalità, non si può proprio sbagliare l’acquisto della maglia.

Può sembrare superfluo, ma l’importanza della maglia per il ciclismo non può essere in alcun modo sottovalutata.

E anche se in molti credono che si tratti di un argomento di secondaria importanza, non è sicuramente così.

Si tratta, tutt’altro, di una questione di massima importanza. La maglia, difatti, influirà sulla libertà di movimento del ciclista, gli permetterà di sentirsi in una maniera più confortevole e contribuirà in larga misura anche sulla traspirabilità.

Questo, però, se si sa come scegliere la maglia per fare il ciclismo.

Ma come acquistare la migliore maglia per il ciclismo? Ecco qualche piccolo consiglio.

Guida all’acquisto della migliore maglia per il ciclismo

Come puoi ben intuire, acquistare una maglia di questo genere non è per niente così semplice come potrebbe sembrare.

Sul mercato esiste una grande varietà di simili maglie. Si spazia da quelle più semplici, create appositamente per i ciclisti che gareggiano a un livello amatoriale, passando per le maglie da ciclismo di media qualità, finendo con le maglie pensate per i professionisti.

A tutto questo si aggiunge anche la scelta relativa al costo, al brand di produzione, ai materiali di realizzazione, alla durata di percorrenza e così via.

Tutto questo contribuisce a rendere la scelta particolarmente difficile soprattutto per coloro che non hanno molta conoscenza del settore.

Per aiutarti, potresti considerare una grande varietà di fattori e dettagli relativi a tutto ciò che concerne la scelta della maglia per il ciclismo.

Prestando attenzione ai giusti criteri sarai in grado di evitare i soliti problemi legati alla scelta. Non solo: avrai anche la possibilità di scegliere il miglior prodotto in base alle tue esigenze. Farlo non è difficile, ma devi essere sicuro di attenerti ai nostri suggerimenti una maniera particolarmente precisa. Solo così sarai sicuro di non sbagliare.

Materiale della maglia per il ciclismo

Una delle prime scelte che dovrai fare riguarda il tessuto.

Quest’ultimo può essere completamente sintetico, completamente naturale oppure misto. La stragrande maggioranza delle maglie per il ciclismo viene prodotta con tessuti sintetici, ma prima di acquistare un prodotto di questo genere dovrai essere sicuro di non avere alcuna allergia verso la tipologia di tessuto scelto. I vantaggi di questi materiali sono moltissimi.

Si tratta, in effetti, di materiali molto leggeri e traspiranti. Non a caso, sono in grado di far passare il sudore, ma al contempo anche fornire un buon livello di termoregolazione. Il sudore passa attraverso le fibre delle maglie ed evapora.

Al contempo, la pelle resta ben asciutta. Per questo usando una maglia sintetica avrai la possibilità di praticare il ciclismo senza correre il rischio di sudare troppo.

C’è anche un’altra buona notizia: avrai la possibilità di trovare degli ottimi tessuti sintetici pensati per varie condizioni atmosferiche. Quindi, puoi eseguire la scelta anche in relazione all’ambiente in cui gareggerai. Esistono delle maglie ottime per proteggersi dall’acqua, vento, pioggia e anche neve.

Se ci sono delle condizioni che ti creano un gran disagio, potresti pensare alla possibilità di acquistare una maglia ben adatta a evitare che questo accada.

Al giorno d’oggi la scelta delle maglie sintetiche per il ciclismo è così vasta da lasciare di stucco, letteralmente, chiunque.

Ma potresti anche considerare l’acquisto della maglia per il ciclismo in tessuto naturale.

Attualmente sul mercato è presente una vasta gamma di modelli realizzati in lana merino, ma ultimamente sta aumentando anche il numero dei tessuti misti. Il merino viene frequentemente usato anche con delle altre fibre. I tessuti naturali sono perfetti per coloro che vogliono mantenere sempre la temperatura costante. Tuttavia, ci sono anche dei problemi.

In particolare, i tessuti naturali favoriscono meno l’evaporazione del sudore. Per questo si sconsiglia di usare dei tessuti simili per percorrere delle grandi distanze. La lana merino contribuisce comunque a sfavorire del tutto la proliferazione dei batteri direttamente nel tessuto, cosa che contribuisce a evitare che si creino dei cattivi odori (cosa invece comunque per i tessuti sintetici).

Maniche corte o maniche lunghe?

Se gareggi in condizioni di forte caldo e sole, indossare una maglia a maniche lunghe potrebbe essere molto fastidioso.

Dopo poco percepiresti il sudore ovunque e ti verrebbe naturale provare a toglierti la maglia. D’altro canto, gareggiando una maglietta a maniche corte in un ambiente particolarmente freddo rischieresti di avere un altro fastidio e sentire il freddo.

Per questo devi fare una scelta di questo genere soltanto in relazione a ciò che concerne le temperature degli ambienti nei quali intendi praticare il ciclismo. Ovviamente, ricordati comunque della possibilità d’indossare un’altra maglia sotto quella indossata per correre.

Taglio

Le maglie per il ciclismo hanno una caratteristica contraddistintiva che aiuta gli interessati a differenziarle dalle altre tipologie di maglie. Parliamo principalmente del taglio, che tradizionalmente è più lungo dietro che davanti. La motivazione è semplice: durante la pratica di questo sport, il ciclista è piegato in avanti, verso il volante. La sua schiena, quindi, è flessa.

Quindi la schiena resta coperta proprio a causa del taglio, mentre sulla parte anteriore non si crea alcun “solito” risvolto di tessuto che in passato ha causato così tanti problemi e diversi fastidi a un gran ventaglio di ciclisti.

Quando acquisti una maglia per il ciclismo, devi necessariamente prestare attenzione a questa piccola caratteristica.

Anche se inizialmente potrebbe sembrarti poco importante, non è affatto così e lo scoprirai una volta che ti metterai in sella alla bici per percorrere un lungo tragitto.

A questa prima caratteristica se ne aggiunge anche un’altra: il design.

Attualmente puoi trovare sul mercato le maglie con il design più aderente, quelle con uno stile più semplice, le maglie con l’aspetto estetico poco curato, quelle stilizzate e anche le maglie personalizzabili.

Se la tua intenzione è quella di partecipare alle competizioni, dovresti prendere in considerazione l’idea di acquistare le maglie il più possibile aderenti. In questo modo ridurrai al minimo la resistenza del vento migliorando la tua aerodinamicità.

Come conseguenza, avrai meno difficoltà nell’esecuzione degli spostamenti. Questo, però, potrebbe comportare dei problemi alla mobilità del tuo busto.

Perciò, molti ciclisti che non hanno intenzione di prendere parte alle gare si vestono con delle maglie per il ciclismo più larghe.

Queste forniscono una minore compressione, ma, di contro, svolazzano al vento frenandoti quando raggiungi delle velocità più alte. In alcuni casi tali maglie potrebbero anche causare vari fastidi.

L’importanza del colletto

Parlando di come scegliere una maglia per il ciclismo non ci si può proprio dimenticare nemmeno di tutto ciò che riguarda il colletto. Solitamente quest’ultimo dev’essere abbastanza alto, ma prima di acquistare una qualsiasi maglia è importante assicurarsi che sia confortevole sia in posizione da seduti che in quella eretta.

Per questo è consigliabile provare la maglia anche in posizione da pedalata prima di eseguire l’acquisto.

Inoltre è anche meglio considerare un altro fattore: la dimensione delle maglie.

Tradizionalmente, queste vengono realizzate basandosi su delle misure antropometriche medie. I ciclisti sono, solitamente, poco allenati nella parte del busto. Il loro sporto è fatto in maniera tale da sviluppare il più possibile le gambe e l’apparato cardiocircolatorio, tralasciando un po’ tutto ciò che concerne la muscolatura della parte superiore del corpo. Per questo, se si “viene” nel ciclismo da altri sport, è meglio tenere in considerazione questa caratteristica.

Altrimenti si rischia di comprare una maglia troppo stretta proprio per una muscolatura ben sviluppata del busto.

Presenza degli accessori

Parlando della scelta di una maglia per il ciclismo non ci si può proprio dimenticare nemmeno di tutto ciò che riguarda la presenza degli accessori. Possono piacere o no, ma sicuramente sono in grado di ridurre gli eventuali fastidi.

Tra i principali accessori dovresti prestare una grande attenzione soprattutto a ciò che concerne le tasche. Solitamente queste sono posizionate sulla parte posteriore della maglia: vi puoi inserire il telefono, le barrette energetiche, dei fogli o altro ancora. Le tasche dovrebbero essere elastiche e profonde: fintanto che nella maggior parte dei casi sono sprovviste di una chiusura a zip, la profondità ti darà la sicurezza di non perdere nulla durante il tragitto oppure a causa di eventuali cadute. Il numero di queste è variabile, ma nella maggior parte sono circa 3.

Per una sicurezza ancora maggiore potresti considerare l’acquisto delle maglie fornite di tasche con tanto di chiusura a zip. Ricordati anche dell’impermeabilità: in caso di pioggia questa caratteristica ti darà la possibilità di evitare che tutti gli oggetti inseriti nella tasca si possano bagnare.

A proposito delle chiusure a zip ricordati anche di quelle che possono aiutarti ad aprire il petto qualora sentissi caldo oppure di chiudere se sentissi del freddo.

A seconda dei tuoi desideri in questo modo potrai gestire la tua aerazione. Ci sono le maglie con un zip bello grande e quelle con la chiusura a zip più piccola: anche in questo caso la scelta è solo la tua.

Ricordati però di scegliere delle chiusure a zip di buona qualità, per evitare che si possa inceppare proprio durante la gara: sarebbe una vera tragedia qualora succedesse.

Visibilità della maglia

Infine, non resta che valutare tutto ciò che riguarda la visibilità: un altro fattore spesso e volentieri sottovalutato, ma che è di estrema importanza specie se si gareggia negli ambienti scarsamente illuminati.

Per esempio, se dovrai praticare il ciclismo di notte, sarà meglio acquistare una maglia munita delle parti catarinfrangenti. In questo modo avrai la possibilità di evitare vari rischi comuni a coloro che gareggiano di notte in maglie di colori comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su